I primi successi li ha ottenuti a Londra o a New York, ma adesso il cibo di strada è diventato “di tendenza” anche nelle metropoli tedesche. L’idea dei Food trucks ha attraversato l’Atlantico e in pochi mesi ha rivoluzionato e dato slancio alla scena culinaria tedesca. Da questi furgoncini completamente attrezzati come una vera e propria cucina vengono fuori prelibatezze regionali e internazionali preparate al momento, premettendo naturalmente che il cuoco sia abile.

Il target è vasto: impiegati della “city”, famiglie che partecipano a festival Streetfood nel parco, gruppi di amici al termine di un concerto live o dopo una notte trascorsa in discoteca: sane alternative al fast food sono ben accette a qualunque ora del giorno e della notte. Sono in giro già centinaia di creatori di cibi etnici, tradizionali, o di piatti semplici e genuini. Con prodotti di qualità, gustosi e sani, contribuiscono ad arricchire il settore gastronomico. I buongustai delle grandi città che vogliono sempre sperimentare qualcosa di nuovo- i “gastronauti”, per dirla con un neologismo, – fanno la fila numerosi davanti a quei furgoncini talvolta eccentrici, come per esempio veicoli postali o bus scolastici americani, altre volte nuovi o vecchi, ma rimodernati con amore.

Diciamocelo chiaramente: non sono certo ristoranti con qualche stella, ma se le meriterebbero senza dubbio! Sono funzionali e con un carattere originale e inconfondibile, rispecchiando la passione dei loro proprietari che si sono costruiti la loro cucina con grande dispendio di energie, oppure se la sono fatta montare su misura da qualche professionista. Ai cuochi piace realizzare le proprie creazioni fin nei minimi dettagli e i foodtrucker non rappresentano un’eccezione in questo senso. Investono infatti molto tempo e molto denaro per veder realizzati i loro sogni. Al momento sta nascendo un mercato per costruire o rinnovare street food trucks: se ne possono comprare di nuovi o di usati o anche affittarne per prestazioni occasionali: in rete potete trovare anche adesso delle offerte per tutti i settori. Basta solo cercare.

La cosa più importante riguardo al foodtruck è la passione per la cucina e un progetto solido e sostenibile. Cosa tira? Cosa desiderano i clienti? L’offerta deve essere originale, non bastano patatine fritte e semplici salsicce. I cuochi del cibo di strada amano piatti non banali ma gustosi e facili da preparare. Anche una salsa al curry, la cui preparazione può sembrare di ordinaria amministrazione, ha bisogno di trenta ingredienti. Cucina vegana, biologica, regionale, genuina, etnica: tutte possiedono una loro caratteristica particolare.

Soltanto quando ci saranno questi presupposti potrete pensare di comprare un food truck e iniziare a lavorare. Fondamentali sono, fra le altre, le prese di corrente, i luoghi dove piazzare il vostro furgoncino e l’illuminazione. Naturalmente la migliore idea del mondo non serve a niente se poi nessuno ne viene a conoscenza. Quindi pensate prima di tutto alla pubblicità, la location, eventualmente ogni giorno una diversa, la partecipazione a iniziative di cibo di strada, sagre e feste o richiedete ad alcune imprese di sostituire la loro mensa con il vostro food truck.