Lo scorso ottobre 2017 a Milano si e’ tenuto un inconsueto appuntamento gastronomico.

Teatro di questo evento il IQOS Embassy, quartier generale del nuovo rivoluzionario dispositivo, che scalda il tabacco senza bruciarlo.

ll tema dell’incontro e’ stato incentrato su un futuro gastronomico a base di insetti.

Ad introdurre lo show culinario, Giulia Maffei e Giulia Tacchini, la prima biologa scientifica, l’altra food-designer, entrambe appassionate di insetti e fondatrici dell’associazione culturale: Entonote.

Il loro slogan: “Un piatto di grilli fa meglio di una tartare di manzo“.

Via libera a Grilli, Larve e Locuste

Durante l’incontro, le due rappresentanti hanno fatto un vero e proprio Show – Cooking,

attraverso la preparazione di alcune delle loro ricette speciali come i Taralli di grillo, composti appunto dalla “farina” di grillo. La loro, una curiosa variante rispetto alla classica ricetta dei taralli pugliesi tradizionali. Infatti, oltre ad ingredienti classici, sono stati aggiunti 20 grammi di grilli essiccati e tagliati al coltello, per conferire ai taralli una consistenza più corposa e croccante.

CONSUMARE INSETTI SIGNIFICA SOSTENIBILITA’

Secondo il parere delle due relatrici, gli insetti avrebbero lo stesso apporto proteico delle carni rosse, a parità di quantità, con una notevole differenza: del grillo si mangia tutto.

Inoltre un’alimentazione a base di insetti comporterebbe anche una riduzione di gas serra, causa principale del surriscaldamento globale. Infatti i grilli emettono meno gas e consumano quantità di acqua e cibo inferiori rispetto agli animali d’allevamento, un’altra importante ragione che ci porta a considerare gli insetti “sostenibili”.

La preparazione

Prima del consumo e’ necessario bonificare gli insetti con l’abbattitore, segue una sbollentata col sale e poi una cottura al forno per procedere con l’essicazione.

Il consumo di insetti nel mondo

Nel corso dello show e’ emerso quanto il consumo di insetti sia molto diffuso a livello globale.

Gli insetti costituiscono la fonte di cibo principale in 82 nazioni tra cui: Africa, Messico e Amazzonia, Australia e Nuova Zelanda, India, Thailandia, Cina, Corea, Vietnam e Cambogia.

Per quanto riguarda l’Europa?

Al momento la diffusione degli insetti come prodotto di consumo non e’ stata ancora regolamentata, ma sappiamo che in Olanda, Belgio e Svizzera sono disponibili sul mercato, ma piuttosto costosi (un kg di grilli intorno ai 25 euro).

In Italia cominciano a costituirsi piccole aziende produttrici, ma sempre in attesa che l’Unione Europea legiferi in materia.

Proprieta’ e valori nutrizionali degli insetti

Come si e’ detto in precedenza, gli insetti sono altamente proteici e sono ricchi di omega 3, vitamine del gruppo b, zinco, ferro e carboidrati.

Pertanto queste ulteriori caratteristiche fanno si che possano veramente rappresentare una valida alternativa per il futuro.

Buon Appetito.